Accertata la Manipolazione del Tasso Euribor: Rimborso e Conseguenze della Sentenza Cassazione

monete manipolazione euribor sentenze cassazione

Nel mondo finanziario, pochi indicatori hanno un impatto così diretto sulla vita delle persone quanto il tasso Euribor. Utilizzato per determinare il costo dei prestiti in euro, questo tasso influisce sui mutui, sui prestiti aziendali e sui prodotti finanziari a tasso variabile. La sentenza della Cassazione, numero 34889/2023, ha Tuttavia accertato che tra il 2005 e il 2008 il tasso Euribor è stato al centro di una controversa manipolazione operata da istituti bancari, che ha avuto conseguenze significative per mutuatari e istituti finanziari, specie in relazione alla clausola floor nei mutui ipotecari a tasso variabile

 

Tasso Euribor, Manipolazione, Sentenza, Diritto al Rimborso

 

Cos’è il Tasso Euribor

Il tasso Euribor (Euro Interbank Offered Rate) è la media dei tassi di interesse a cui le principali banche europee fanno riferimento nelle loro operazioni finanziarie ovvero è il tasso medio di interesse che applicano le banche quando si prestano denaro tra loro e nei casi di fondi non garantiti. Essenziale per il funzionamento del mercato interbancario, l’Euribor serve come indice di riferimento per vari strumenti finanziari  e per questo influenza i tassi dei mutui a tasso variabile e di altri prestiti.

 

La Manipolazione dell’Euribor

La scoperta che alcune delle maggiori banche europee avevano fatto cartello con la conseguente manipolazione del tasso Euribor, accertata dalla Commissione Europea nel 2013 e oggi dalla Sentenza della Cassazione, ha dato l’avvio, per i mutui a tasso euribor, al diritto al rimborso e agli interessi. Infatti, la manipolazione accertata operata da alcuni dei maggiori istituti finanziari europei, volta a trarre vantaggio da operazioni di trading o a migliorare apparentemente la salute finanziaria delle banche, ha distorto il reale costo del credito penalizzando mutuatari e investitori.

 

Diritto al Rimborso, implicazioni legali della Sentenza della Cassazione sugli interessi sui mutui a tasso Euribor

La recente sentenza della Cassazione Italiana ha stabilito che la manipolazione dell’Euribor va oltre la violazione delle norme di mercato, violando il diritto alla concorrenza e toccando direttamente i contratti di mutuo che vi fanno riferimento. La sentenza sottolinea che non solo gli accordi espliciti ma anche le condotte non negoziali che falsano la concorrenza, possono rendere nulli i contratti basati su un tasso manipolato. 

 

La richiesta sui mutui euribor e il diritto al rimborso degli interessi indebitamente percepiti inoltrata anche alle banche non direttamente coinvolte all’accordo vietato

La sentenza infine, ha confermato il valore della decisione del 2013 della Commissione Europea che è stata riconosciuta come prova privilegiata dell’accordo manipolativo, stabilendo che è fattibile il ricalcolo dei contratti bancari a un tasso legale, indipendentemente dalla partecipazione o meno della banca presso cui è stato contratto il mutuo al cartello vietato. La decisione riguarda mutui, leasing, finanziamenti, affidamenti e prodotti derivati che, per la determinazione del tasso di interesse, si sono basati su valori Euribor registrati tra il 2005 e il 2008. 

 

L’importanza di interrompere la prescrizione nella richiesta di rimborso sul mutuo a tasso variabile 

Di conseguenza, molti mutui stipulati nel periodo incriminato potrebbero essere considerati invalidi, ma al riguardo è decisivo agire al più presto per interrompere la prescrizione, che, seguendo l’ordinanza della Cassazione menzionata, rappresenta l’ultimo baluardo per le banche al fine di eludere la restituzione degli importi indebitamente percepiti.

 

Come Accertare la Manipolazione e Richiedere il Rimborso sul tasso del mutuo indebitamente pagato

I titolari di mutui, prestiti e altri strumenti finanziari basati sull’Euribor manipolato hanno il diritto di chiedere un rimborso. Questo include tanto i privati quanto le aziende che, nel periodo della manipolazione, hanno subito un danno economico a causa di interessi artificialmente gonfiati. Per accertare la manipolazione sul tasso mutuo e avanzare una richiesta di rimborso, i passi consigliati sono:

  1. Richiedere e raccogliere la documentazione sul contratto di mutuo, estratto conto, e qualsiasi comunicazione relativa al finanziamento ricevuto;
  2. Rivolgersi a consulenti e avvocati in diritto bancario e finanziario, che possono fornire una consulenza mirata e valutare la fattibilità di un’azione legale;
  3. Interrompere la prescrizione.

La manipolazione del tasso Euribor è un esempio lampante di come le pratiche scorrette nel settore bancario possano avere ripercussioni dirette sui consumatori. La sentenza della Cassazione italiana rappresenta un passo importante nella tutela dei diritti dei mutuatari, stabilendo un precedente per la nullità dei contratti basati su tassi di interesse manipolati. È fondamentale che i soggetti danneggiati si informino sui loro diritti e perseguano le vie legali a loro disposizione per ottenere giustizia e compensazione.

Se sospetti di essere stato danneggiato dalla manipolazione del tasso Euribor, non esitare a cercare assistenza. Consulta gli esperti di www.studioamodeo.eu per valutare le tue opzioni e intraprendere la richiesta di rimborso

Entra in contatto con lo Studio Amodeo e chiedi consulenza fiscale, tributaria, bancaria. Compila adesso il modulo con i tuoi dati. Ti assicuriamo la massima riservatezza

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.